L’Alto Piemonte. Il territorio e i suoi vini

 

L’Alto o Nord Piemonte è il territorio della regione compreso tra le provincie di Biella, Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola. Si tratta di suoli unici che vanno dal Monte Rosa, la montagna più elevata del Piemonte, alla pianura delle risaie, esprimendo terroir di origini diverse che donano caratteristiche uniche ai vini locali.

E’ una zona molto ricca di laghi tra cui il Lago Maggiore con le Isole Borromee (Isola Bella, Isola Madre e Isola dei Pescatori), il Lago d’Orta e l’Isola di San Giulio e il Lago di Viverone, sede di un antichissimo insediamento preistorico subacqueo, inserito dall’Unesco nel 2011 nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità. La cittadina di Orta San Giulio, distante 400 metri dall’isola, si trova sul lago all’estremità di una penisola occupata nella parte alta dal Sacro Monte di Orta, riconosciuto Patrimonio Unesco insieme al Sacro Monte Calvario di Domodossola, il Sacro Monte di Ghiffa sul Lago Maggiore presso Verbania, il Sacro Monte di Varallo in Valsesia e il Sacro Monte di Oropa presso Biella.

Il nebbiolo è il vitigno autoctono per eccellenza dell’Alto Piemonte, completano il quadro la vespolina, la croatina, l’uva rara o bonarda novarese e l’erbaluce, tutti vitigni che possono essere vinificati in purezza o concorrere a diversi uvaggi. In Alto Piemonte si distinguono tre aree principali, le Valli Ossolane, le Colline Novaresi e le Coste della Sesia, dove ognuna delle tre rappresenta una propria Denominazione di Origine Controllata. Nelle Colline Novaresi, ovvero l’area sulla sinistra del fiume Sesia, si trovano il Boca DOC, il Fara DOC, il Ghemme DOCG e il Sizzano DOC. La stessa cosa vale per la sponda destra del fiume Sesia, dove insistono le Coste della Sesia, all’interno delle quali si distinguono il Bramaterra DOC, il Gattinara DOCG e il Lessona DOC.

Il risotto a base di fagioli e salame della duja sbriciolato è un piatto tipico di Vercelli (panissa vercellese) e di Novara (paniscia novarese) mentre un’altra tradizione antica dell’area delle risaie è il carpione di carne e o di trota. La zona del Lago Maggiore e del Lago d’Orta vanta una tradizione legata al pesce di lago fritto (arborelle e  filetto di persico)mentre se ci spostiamo sulle colline del Lago d’Orta è il leggendario Tapulone, carne di asino accompagnata dalla polenta, a primeggiare. Il Gorgonzola è il formaggio più conosciuto di questa zona ma non dobbiamo tralasciare il Bettelmat e le varie Tome, ingredienti fondamentali nella preparazione della Polenta Concia. L’Alto Piemonte ha anche un lato dolce che è rappresentato dai biscotti: i Biscotti di Novara ossia gli antenati dei Pavesini, i Bicciolani, i Canestrej formati da due cialde croccanti con un cuore di cioccolato extra fondente e per concludere le Margheritine di Stresa.

Salva